Le mappe mentali digitali per ideare, progettare, coordinare, comunicare

La ricerca della verità è di gran lunga più preziosa del suo possesso
(Albert Einstein)

Cosa sono e come si realizzano le solution map (mappe mentali digitali)
Le solution map costituiscono una sorta di compromesso in chiave digitale tra le mappe mentali di Buzan e le mappe concettuali di Novak.

Sono molte le caratteristiche che le avvicinano alle mappe mentali:

  • la strutturazione gerarchico-associativa
  • la geometria radiale
  • l’accento sull’evocatività.

Le solution map ereditano invece dalle mappe concettuali l’orientamento all’espressività.
In particolare le accomunano l’uso di:

  • descrizioni testuali estese
  • codifiche.
WBS di un progetto - Esempio di mappa a supporto del project management

Esempio: una solution map che rappresenta la WBS di un progetto

 

Elementi distintivi delle solution map sono invece gli ausili tecnologici, per coniugare il momento creativo con quello operativo:

  • il posizionamento visuale e lo zoom: avvicinarsi, allontanarsi e spostarsi virtualmente sul foglio di lavoro consente di mettere in evidenza gli aspetti più rilevanti che, di volta in volta, possono essere il quadro d’insieme oppure il singolo dettaglio
  • la disposizione dinamica degli elementi: gli strumenti per spostare, chiudere e aprire i rami sullo schermo permettono di gestire in modo flessibile la struttura della mappa durante il suo sviluppo e la sua presentazione
  • le informazioni contestuali: è possibile modificare i criteri di visualizzazione e di filtro sui rami, rimodellando la visualizzazione in base alle esigenze dell’utente
  • i link ad altri materiali: il contenuto di ciascun ramo può essere descritto in dettaglio anche con documenti elettronici, collegati in modalità ipertestuale oppure allegati
  • le esportazioni in altri formati: partendo dalla mappa e utilizzando opportuni criteri di conversione, è possibile riversarne i contenuti in documenti informatici di altro tipo, come testi o ipertesti, fogli di calcolo, planner, presentazioni e diagrammi.
Check list - Fare riunioni efficaci - WBS di un progetto - Esempio di mappa creata da un gruppo di lavoro per condividere le modalità di gestione delle riunioni

Esempio: una solution map prodotta da un gruppo di apprendimento organizzativo durante un percorso sul tema delle riunioni efficaci.

 

Le solution map ereditano dunque dalle mappe mentali e concettuali le caratteristiche salienti. Questo amplia la varietà di situazioni nelle quali possono essere utilizzate.

In particolare:

  • l’uso di codifiche e descrizioni estese aiuta a definire significati condivisi e più facilmente interpretabili. Di converso, questa riduzione dello spazio dell’ambiguità irrigidisce la rappresentazione e ne riduce l’evocatività
  • l’assenza delle etichette per descrivere il legame tra i rami semplifica la consultazione della mappa, ne riduce la verbosità e snellisce la sua struttura ma, rendendo implicito il legame tra i diversi elementi concettuali, non esplicita il significato del legame tra i rami e ne riduce l’espressività.

Le applicazioni delle solution map

Esempi di applicazioni delle solution map - supportare il project management, il knowledge management, la collaborazione e il lavoro di gruppo, l'apprendimento organizzativo, il problem management e il problem solving

Esempi di applicazioni delle solution map

Poiché presentano aspetti di matrice sia evocativa che espressiva, le solution map possono essere realizzate facendo riferimento sia al modello di sviluppo connessionista che a quello associazionista. Questo permette di collocarle sia tra le mappe creative sia tra quelle cognitive e di utilizzarle per la generazione e la rappresentazione delle idee in una grande varietà di contesti, alcuni dei quali sono indicati in questa mappa.

Relazione 2007 del difensore civico della Regione Marche - Esempio di sintesi di un documento esteso, per condividere e divulgarne il contenuto

Esempio: una solution map che rappresenta gli spunti principali di un documento pubblico prodotto in una PA

Le mappe mentali digitali possono essere realizzate per supportare il project management, il knowledge management, la collaborazione e il lavoro di gruppo, l’apprendimento organizzativo, il problem management e il problem solving.

Tra i software più utilizzati per realizzare solution map figurano i prodotti desktop Mindmanager, Xmind o Freemind, come pure i sistemi online Mindomo e Mindmeister.

 

 


Questa voce è stata pubblicata in Le solution map e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.